20 aprile 2017

Architetti in sedia a rotelle per abbattere le barriere

ph:C.Orecchini


Quante volte ci è successo di meravigliarci di fronte a degli ostacoli architettonici presenti negli spazi pubblici cittadini, anche di recente fattura? Lavori talmente assurdi da far esclamare: ma quale architetto potrà mai aver partorito tale illogica struttura? La risposta che viene spontanea è quella che la “competenza” professionale, a 360 gradi, pare essere sempre più un’utopia. 

Alla luce di ciò, trovo intelligente un progetto genovese, dove gli studenti laureandi del corso di architettura hanno partecipato a una “lezione” sul campo, per testare i problemi di accessibilità della città. E per avere un'idea realistica e concreta, lo hanno fatto attraversandola in sedia a rotelle, affrontando tutti gli ostacoli con cui le persone con disabilità motoria sono costrette a convivere. Soltanto sperimentando personalmente si possono inquadrare le tante barriere che ancora sussistono, e per un futuro architetto è davvero essenziale laddove si trovi a progettare, non solo edifici, ma anche le infrastrutture urbane.
Questo è sicuramente un caso in cui certi esperimenti hanno un senso che volge verso un fine concreto, al contrario di episodi in cui è stato fatto, nell’ambito anche di iniziative comunali, per “sensibilizzare” su cosa si provi muovendosi in sedia a rotelle, senza che ciò si traducesse in un qualche seguito costruttivo.

Personalmente auspico con forza che questo di Genova diventi un progetto su scala nazionale, e che tutti i futuri architetti sperimentino, non solo una tantum ma nel corso di un iter di insegnamento pratico sviluppato appositamente, quanto le barriere influiscano sulla qualità di vita di tantissimi esseri umani, e che si impegnino nel migliorare quella che è ormai un’emergenza. Questo si traduce con un'unica parola: COMPETENZA! Solo così si può sperare nella realizzazione di città a misura di tutti.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
"Per migliorare le condizioni dei minori in situazione di handicap, prima di predisporre ulteriori leggi occorre applicare completamente quelle attuali, magari dotandole di adeguati strumenti e collegandole con una prassi amministrativa più attenta alle loro esigenze" (D. Massi)
"Ogni bambino ha la sua singolarità, è un corpo e una mente originale rispetto a tutti gli altri; il normodotato, però, ha una originalità che sta dentro a una certa fascia, ad un certo standard, mentre il bambino diversabile se ne allontana. " (V. Gullotta)

"..la convinzione che si può fare sempre qualcosa di più dovrebbe essere sempre la prima preoccupazione di tutti coloro che, per qualsiasi motivo, entrano in relazione con i nostri figli.."

‎..."Quando Einstein, alla domanda del passaporto, risponde 'razza umana', non ignora le differenze, le omette in un orizzonte più ampio, che le include e le supera. È questo il paesaggio che si deve aprire: sia a chi fa della differenza una discriminazione, sia a chi, per evitare una discriminazione, nega la differenza". (G.Pontiggia)

Post più popolari